Ilaria, 16 anni. "Forse siamo stanze disordinate che vanno messe in ordine, forse siamo oggetti sistemati male, libri caduti dalle mensole, vasi rovesciati, porta penne sul bordo della scrivania. Forse quando si incontra la persona giusta la sensazione che si prova è esattamente quella di un oggetto che torna al proprio posto. Lui è la mia persona, è il mio posto giusto."

sentirsi:

mi allungherei fino lì da te per poterti sfiorare e portarti con me in posti dove non si conosce il male e le cose belle ti si vogliono poggiare sulle labbra

"Non ho più dubbi.
In quel sorriso c’è il senso di tutto quello che sto cercando.”
Alessandro D’Avenia. (via cuorepiccolo)
©